Legalizzazione della marijuana: é solo una questione di tempo prima che il megatrend esploda a livello mondiale

Condividi su facebook

Nell’ultimo post, ti ho raccontato come una piccola e sconosciuta cittadina della California,
sull’orlo del collasso finanziario ha risollevato le sue sorti (e quella dei suoi abitanti) grazie alla marijuana legalizzata.

Non solo.

Se l’hai letto dovresti anche sapere qual è il trigger che ha scatenato questo gigantesco megatrend.

Se te lo sei perso, te lo riassumo brevemente in questo schema logico:

  1. gli stati (e qualsiasi organismo pubblico) sono schiacciati da un enorme debito;
  2. le attuali entrate fiscali non sono sufficienti per ripagare debiti (di qualsiasi tipo) e interessi;
  3. per farvi fronte è critico aumentare le entrate fiscali;
  4. politici illuminati capiscono che il modo migliore per aumentare le entrate fiscali non è tartassare cittadini e imprese aumentando la pressione fiscale con nuove e opprimenti tasse ma è quello di aumentare la base imponibile;
  5. il modo migliore e più veloce per aumentare la base imponibile è quello di rendere legale ciò che prima non lo era, consentendo la nascita di un nuovo mercato letteralmente dal nulla.
  6. i benefici per lo Stato (o altro organismo pubblico) e la comunità sono incredibili: maggiori entrate fiscali, più posti di lavoro, più investimenti, più servizi locali, insomma l’economia migliora sotto tutti i parametri.

Capito il processo?

Ora sai qual è il singolo evento (e cosa l’ha scatenato) che ha consentito la nascita del più grande megatrend della storia dopo l’avvento di internet: cambio di legislazione!

Ciò che prima era illegale adesso è legale.

Ora il punto è questo.

Anche se la strada ce l’ha indicata la piccola e sconosciuta cittadina di Desert Hot Spring, pensi che questa cittadina sia l’unica ad avere problemi di soldi e di debiti schiaccianti?

Ovunque ti giri, sai che il problema del debito attanaglia tutte le economie moderne, a tutti i livelli, dai piccoli comuni alle grandi nazioni industrializzate.

Quindi molti altri Stati apriranno le loro menti a nuove idee.

Il processo non si fermerà.

Rifletti un attimo.

Pensi che sia solo un caso che la California abbia legalizzato la marijuana a livello ricreativo (dopo averla legalizzata già a livello medico) all’inizio di quest’anno?

Penso proprio di no. Leggi questo mio articolo sull’argomento, se te lo sei perso.

Il punto qui è che l’onda lunga della legalizzazione della marijuana sta attraversando tutto il mondo ed è per questo che parliamo di megatrend.

Molti altri stati negli Stati Uniti, alle prese con gli stessi problemi di debito di cui ha sofferto Desert Hot Spring hanno, come si dice dalle mie parti, “mangiato la foglia”.

E hanno pensato bene di legalizzare la marijuana su scala nazionale non solo locale, dapprima a livello medico e poi a livello ricreativo.

Come dici, perché entrambi i livelli di uso? Semplice per ampliare la base imponibile: più soldi girano e più aumentano le entrate fiscali.

Prendi ad esempio il caso del Colorado che è stato il primo Stato degli U.S.A. a legalizzare la marijuana prima per scopi medici (2009) e poi per scopi ricreativi (2014).

Da allora, grazie alla marijuana legalizzata, il Colorado ha incassato una marea di soldi sotto forma di tasse e ha fatto girare l’economia locale.

Guarda questi numeri per rendertene conto (riferiti al solo Colorado):

  • 1,3 miliardi di dollari in vendite di marijuana
  • 18.000 nuovi posti di lavoro creati

E tutto questo solo nell’anno 2016, quindi stiamo parlando di diversi anni fa.

E per quanto riguarda le entrate fiscali, come è messo il Colorado?

Guarda questa tabella aggiornata, presa direttamente dal Dipartimento delle tasse del Colorado (dati ufficiali):

Marijuana Taxes, License, and Fee Revenue

Calendar YearTotal Revenue
2014$67,594,323
2015$130,411,173
2016$193,604,810
2017$247,368,473
2018 (Jan – Mar)$63,688,122

Ti sembra poco?

E questo è solo l’inizio.

Pensi veramente che gli altri Stati degli Stati Uniti siano rimasti a guardare? E le altre nazioni industrializzate?

Certo che no, troppa gola i soldi provenienti dalle tasse.

E così l’ondata di questo megatrend si è diffusa a macchia d’olio in tutti gli Stati Uniti ( e non solo, come vedremo).

Ad oggi la situazione dell’arte sulla legalizzazione della marijuana negli U.S. è la seguente:

  1. 30 stati più Washington DC hanno già legalizzato la marijuana medica.
  2. 9 stati (Alaska, California, Colorado, Maine, Massachusetts, Nevada, Oregon più Washington DC, Vermont più il distretto della Columbia) hanno approvato l’uso ricreativo.

Ecco un’istantanea della situazione, con la distinzione tra i due principali usi della marijuana (medica e ricreativa):

Legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti
Legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti

È solo una questione di tempo prima che altri Stati facciano lo stesso. Ci sono troppi soldi e troppi posti di lavoro in gioco per lasciarsi scappare il bottino.

Nel frattempo, sono in corso importanti sforzi per legalizzare la cannabis ricreativa nel Rhode Island, nel Connecticut, e in una manciata di altri stati.

Ed è tutto un movimento continuo in questo mercato al di là dell’oceano.

Ne parlano tutti i giornali, in California ogni giorno aprono nuove attività commerciali che attirano sempre più nuovi clienti, incuriositi dal nuovo fenomeno, come un recente servizio delle Iene ha dimostrato.

E tutto questo porta a maggiori vendite per le aziende interessate, tutto alla luce del sole, facendo emergere dall’illegalità un mercato prima schiacciato dal proibizionismo normativo.

Non ne sei ancora convinto?

L’industria emergente della marijuana legalizzata ha generato quasi $ 9 miliardi di vendite nel 2017, secondo Tom Adams, amministratore delegato di BDS Analytics, che monitora l’industria della cannabis.

In pratica, giusto per fare un paragone, le vendite sono equivalenti all’intero settore degli snack bar o alle entrate annuali dei pannolini Pampers.

E tutto questo prima che la California aprisse il suo enorme mercato al dettaglio a gennaio.

L’arrivo della California ha letteralmente riscritto i numeri per questa nascente industria in quanto il suo potenziale di crescita è enorme.

Sempre secondo Tom Adams, le vendite nazionali di marijuana saliranno a $ 11 miliardi nel 2018 ea $ 21 miliardi nel 2021.

Ti rendi conto? Un vero proprio boom, anzi un vero e proprio megatrend in arrivo, di cui noi tutti possiamo beneficiare.

In pratica stiamo assistendo alla nascita di un nuovo mercato (un po’ come internet nel 1999) letteralmente sotto i nostri occhi.

Vuoi fartelo scappare?

Se non farai niente adesso, non riuscirai più a cavalcare questo megatrend ma poi non dirmi che non ti avevo avvertito.

Dopo sarà troppo tardi.

Se ti senti pronto a cavalcare questo megatrend e non l’hai ancora fatto, scarica il mio super report gratuito “Marijuana Millionaire” in modo da saperne di più su questo megatrend e da rimanere aggiornato sul settore.

Fino ad ora sono l’unico in Italia che sta monitorando da vicino il megatrend della marijuana legalizzata e so esattamente come trarne profitto.

Rimani sintonizzato per essere aggiornato con le notizie dal fronte.

Dean
“O sei un contrarian o sei una vittima”

Commenta con Facebook
Condividi su facebook
Chiudi il menu
×

Carrello